Serie B 2018/2019

Pre Pescara vs JBF

La Janus, dopo i tre successi consecutivi al PalaGuerrieri, viaggia verso Pescara per uno scontro al vertice molto complicato.

07.12.2018

Dopo oltre un mese.. la Janus si rimette in viaggio! Stavolta il bus biancoblù farà rotta verso il PalaElettra di Pescara, per lo scontro contro l’Unibasket Pescara, compagine da anni al vertice della categoria. Diverse finali disputate nel corso delle scorse stagioni, a testimonianza del blasone e della tradizione dei biancorossi, che sono guidati anche quest’anno in panchina da coach Stefano Rajola. L'ex playmaker giusto l’anno scorso, dopo aver terminato la lunga carriera agonistica, ha preso le redini del team abruzzese dimostrando già le sue qualità anche nella veste di allenatore.

Match dunque di alta classifica, con un cammino che per entrambe fin qui vede un record di sette vittorie e due sconfitte. L'Amatori si presenta al match con uno dei migliori attacchi del girone (77.8 punti segnati a partita), a fronte di 70,4 subiti mediamente. I biancoblù mandano a bersaglio un minor numero di punti realizzati(72,3), ma vantano un leggero vantaggio in fatto di punti subiti mediamente (69,8).

Il roster di Pescara, è un roster lungo composto d'elementi che hanno capacità di abbinare qualità e quantità, in cui tutti gli effettivi chiamati in causa hanno la possibilità di rendersi utili e di ben figurare.

In termini realizzativi spiccano le doti di Alessandro Potì (reduce dalla buona stagione disputata a Nardò), ala fisica dalla buona mano che fino ad oggi produce 14,6 punti di media conditi da buone percentuali realizzative (54% da 2 e 39% da 3). Ci sono anche quasi 5 rimbalzi di media a chiudere il tutto, per testimoniare tutta la sua utilità. Ottime sono anche le percentuali di Ennio Leonzio, classe 1994, guardia dalla mano torrida con numeri che parlano per lui: finora 14 punti (50% da 2 e 40% da 3 punti) e 4 rimbalzi di media. Le due principali bocche da fuoco sono ben innescate dal classe '96 Michele Caverni, playmaker già visto in maglia Senigallia. Il ragazzo originario di Fano porta alla causa 9,6 punti con percentuali ottime (55% da 2 ed un irreale 68% da 3 a fronte di 19 tentativi effettuati finora) ed oltre 2 assist di media. Pescara è una squadra non solo talentuosa tra gli esterni, ma anche consistente sotto canestro dove il capitano, Andrea Capitanelli, (classe 1986 e 208 cm di esperienza e qualità) costituisce un riferimento importante sotto le plance, non disdegnando anche conclusioni oltre i 6,75. Il numero 17 è affiancato anche dalla stazza e dalla consistenza di Marko Micevic, classe 1989, già visto con le maglie marchigiane di Falconara e Montegranaro, che dopo una stagione lontano dai campi per infortunio, sta dimostrando nuovamente le sue qualità nei 24’ di media in cui viene utilizzato. Micevic sta producendo 9,2 punti a partita con il 61% di realizzazione. Escono dalla panchina, fornendo sempre il loro apporto, l’esterno Gianluca Carpanzano (7.4 punti di media in 22’ di utilizzo) e l’ala Alberto Serafini, proveniente da Campli, con 9,1 di media in poco più di 20’ in campo.

Un avversario di caratura, in una trasferta non semplice in cui la Janus, per spuntarla, dovrà davvero mettere in campo tutto il proprio migliore repertorio.

Forza ragazzi… servirà un'impresa, ma noi ci crediamo!

Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

Commenti

Fabriano vince il derby con Ancona
Fabriano cade a Pescara