Banner nuovoXL
10_Chiusi_FOCUS_SITO_NUOVO

DOMENICA AFFRONTEREMO…SAN GIOBBE UMANA CHIUSI

Tommaso Bruno: «Limitare le palle perse e abbassare clamorosamente i rimbalzi offensivi concessi. »

Seconda trasferta di fila per la Ristopro Janus Basket Fabriano che sarà impegnata domenica sul campo della San Giobbe Basket Chiusi.

Neopromossa dalla serie B, la formazione della bassa val di Chiana è una società giovanissima fondata nel settembre del 2018 che in 3 anni è passata dalla Promozione alla serie A2.

 

CURIOSITÀ. Ha il gusto di una favola la giovane storia della società della provincia di Siena. Tutto nasce grazie al sindaco di Venezia nonché patron della Reyer Luigi Brugnaro.

Sposato con una donna di Chiusi, il sindaco lagunare segue il consiglio del suocero (che vive a Chiusi) e acquista un possedimento agricolo nella zona per allevare le mucche chianine. In poco tempo questo investimento diventa il più grande allevamento di carne chianina al mondo: la società agricola San Giobbe.

Da qui Brugnaro decide di investire su un’altra sua passione: il basket.

Ed ecco che dal 2018 la San Giobbe Chiusi diventa una società satellite della Reyer Venezia; conquista la A2, allestisce un roster di ottimo spessore grazie anche al settore giovanile della Reyer, ed è in procinto di adeguare per la A2 il già nuovo palas di Chiusi.

Dalle stalle alle stelle.

 

L’OSSERVATO. Francesco FRATTO. L’ultimo capitano della Janus prima dell’era Merletto merita una menzione speciale.

Una sola stagione per lui nella città della carta (2019/20) quella della cavalcata verso la A2 interrotta solo dal Covid; ha lasciato grandi ricordi tra i supporter bianco-blu per le qualità umane e per l’agonismo messo in campo ad ogni allacciata di scarpe.

In molti pensavano che in A2 non ci potesse stare e lui sta rispondendo con 9 punti di media, 79% al tiro da due e soprattutto tante piccole cose fatte al momento giusto.

Chapeau.

 

 

L’Uomo CHIAVE. Jeremiah WILSON. «Sono un trascinatore dentro e fuori dal campo.» Così si è presentata l’Ala/Centro americana con passaporto portoghese il giorno della sua presentazione. Detto fatto: numeri, giocate e carisma da Mvp. Le sue statistiche dicono: 21,2 punti (65% da due, 35% da tre) e 10,7 rimbalzi a gara.

 

 

Il PUNTO di VISTA Tecnico. «Chiusi, a dispetto di quello che ci si aspetta da una neopromossa, ha avuto un inizio “super” vincendo 3 partite su 4 disputate.»

Questa la prima dichiarazione dell’assistente Tommaso Bruno dopo il silenzio stampa. «È una formazione molto compatta e lunga, con due giocatori solidi per ogni ruolo che ha deciso di puntare su 8 senior. Offensivamente è un team che coinvolge tutti i giocatori, passano bene la palla fino a scegliere il miglior tiro possibile.»  Tra i singoli il vice di Pansa ci conferma quanto anticipato sopra: «Wilson è il principale terminale offensivo della squadra allenata da coach Giovanni Bassi. Giocatore completo che garantisce fisicità, atletismo e tiro da fuori.» Continua Bruno nel descriverci il roster avversario «L’altro punto di riferimento è il play americano Medford, giocatore con un gran uno contro uno e un ottimo arresto e tiro. Accanto a loro anche gli italiani stanno facendo molto bene: da Pollone (40% da tre punti) a Mei e Criconia, fino all’esperto Bernardo Musso e ai 212 cm di Ancellotti che è una presenza continua a rimbalzo e in post basso.» Bruno sottolinea anche le prestazioni dell’ex Fratto: «Colgo l’occasione per fargli i complimenti per il suo eccezionale inizio di stagione.»

Passando in casa Ristopro il vice allenatore ci dice: «Dovremo assolutamente evitare di concedere le seconde opportunità e quindi limitare le palle perse e lavorare meglio a rimbalzo dove fin qui abbiamo sempre concesso troppo. In attacco l’obbiettivo è quello di alzare le percentuali e perciò è d’obbligo girare meglio la palla per creare tiri aperti.»

 

Appuntamento al PalaPania di Chiusi domenica alle ore 18.

Walter Rocchi – Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp